Orientamento

E' in corso il riordino delle Scuole Superiori di Secondo Grado. Per informazioni maggiori vai direttamente ai sito Indire

Link utili:
Conegliano Scuola Orienta
Coordinamento Reti Orientamento Provincia di Treviso

 

Orientamento: educare alla scelta

Le “Indicazioni nazionali per il curricolo” evidenziano il carattere “orientante” della Scuola Secondaria di I grado.
In tutte le classi, nell’arco del triennio, vengono svolte attività finalizzate alla conoscenza di sé e delle proprie attitudini, all’acquisizione di un efficace metodo di studio e all’esercizio di una scelta corretta. Il nostro Istituto inoltre, aderisce da alcuni anni alla Rete per l’Orientamento scolastico “Conegliano Scuola Orienta” che ha, fra gli altri, i seguenti obiettivi specifici per gli alunni della Scuola Media e per i loro genitori:
- fornire informazioni in maniera organica, simultanea e comparata sull’offerta formativa degli Istituti di Istruzione secondaria di secondo grado e Centri di Formazione Professionale aderenti alla Rete;
- aiutare i genitori a leggere la complessa realtà dei figli preadolescenti al momento della scelta del percorso formativo fornendo loro strumenti di lettura e criteri di azione.

Nelle esperienze maturate nel lavoro di Rete, sono stati rilevati in particolare i seguenti bisogni:
- bisogno da parte dei genitori e dei ragazzi di informazione completa, coordinata e di immediata lettura relativamente all’offerta formativa del territorio, per poter assolvere il diritto - dovere all’istruzione e alla formazione professionale;
- bisogno da parte dei ragazzi: di conoscersi, in particolare nelle proprie attitudini e nei propri interessi; di conoscere la specificità dei diversi percorsi/proposte attraverso un’esperienza personale, diretta e concreta; di essere accompagnati nell’acquisizione degli elementi per poter scegliere in maniera consapevole;
- bisogno dei genitori di essere sostenuti e accompagnati nel rapporto con i figli, in particolare nel momento della scelta del percorso formativo dopo la Scuola Media. Allo scopo di aiutare gli alunni che frequentano la classe terza della scuola secondaria di primo grado (che dovranno scegliere l’indirizzo di studi e quindi la scuola a cui intendono iscriversi per il prossimo anno scolastico) ad orientare la loro scelta, dato che questo è un momento delicato e difficile in considerazione della giovane età dei ragazzi, questa Scuola ha attivato le seguenti iniziative:

1.Momenti informativi curati dai docenti della propria classe.

2.Moduli di Orientamento con docenti di Scuola Secondaria di 2° grado:

- Giovedì 4 novembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00 Scuola Secondaria di San Fior
- Giovedì 4 novembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00 Scuola Secondaria di Godega S.U.
- Martedì 9 novembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00 gli studenti di entrambe le scuole, suddivisi per gruppi di interesse incontrano i docenti di due diverse scuole scelte dai ragazzi.

3.Momenti informativi di “Scuola Aperta” rivolti ai ragazzi delle terze e ai loro genitori:

Informazione, mediante volantini consegnati a tutti i ragazzi di terza media nel corso degli incontri con i docenti delle Scuole Superiori, relativa alle giornate di "Scuola Aperta" di tutti gli Istituti Superiori di Conegliano.

4.Momenti informativi di “Scuola Aperta” rivolti ai ragazzi delle terze e ai loro genitori:

Le giornate di “Scuola Aperta” per gli Istituti Superiori di Conegliano sono disponibili sul sito www.coneglianoscuolaorienta.it . A queste si aggiungono le giornate di “Scuola Aperta” organizzate autonomamente dagli Istituti Superiori di altre città limitrofe.

5.Incontri informativi con un esperto esterno per i ragazzi:

Scuola Media di San Fior - Martedì 02.11.2010
Scuola Media di Godega di Sant’Urbano - Lunedì 08.11.2010

6.Incontri informativi con un esperto esterno per i genitori*:

Scuola Media di San Fior - Venerdì 05.11.2010 ore 18.00
Scuola Media di Godega di Sant’Urbano - Venerdì 05.11.2010 ore 20.30
*Gli incontri informativi sull’Orientamento scolastico e professionale sono finalizzati ad aiutare i genitori a sostenere i ragazzi nella propria scelta.

7.Sportello di Spazio-Ascolto:

In entrambe le sedi è attivo lo sportello di Spazio-Ascolto. È un progetto di promozione del benessere scolastico organizzato dalla Rete Provinciale di Spazio-Ascolto a cui il nostro Istituto aderisce da dieci anni. Lo sportello offre agli studenti un luogo e un tempo riservati ad un incontro individuale tra un insegnante dell’Istituto adeguatamente formato e un/a ragazzo/a, all’interno del quale è possibile riflettere sulle proprie attitudini, capacità, aspettative.

8.Materiale informativo:

Tutto il materiale informativo trasmesso dalle Scuole Superiori, dalla Rete per l’Orientamento di Conegliano e dalla Provincia di Treviso viene distribuito agli alunni e ai genitori e copia rimane a disposizione dentro una cartellina in ogni classe terza; locandine e manifesti vengono esposti nell’atrio delle due scuole.


Racconto di un'esperienza

Le classi terze svolgono un programma di orientamento con l'aiuto di un professore specializzato in questo campo: il prof. Boschiero.
Durante gli incontri gli alunni possono porre quesiti ed avere informazioni più dettagliate sulle scuole superiori, ed avere più sicurezza nella futura scelta.
Insieme si ragiona sulle difficoltà poste dalle varie scuole, si cerca di comprendere le attitudini e i limiti di ciascun alunno nel campo scolastico.
Il prof. Boschiero aiuta a ragionare sulla possibilità che non tutti i sogni si possono realizzare e che molti lavori sono diversi da come si pensano.
Queste sono alcune delle domande poste dagli alunni durante gli incontri dello scorso anno scolastico:
"Che differenza c'è fra un liceo classico e un liceo scientifico?"
"Che fare dopo un liceo? È obbligatoria l'università?"
"Che scuola fare se voglio diventare meccanico?"
"Meglio il liceo classico o il liceo scientifico per diventare fisioterapisti?"
"Meglio un liceo artistico o un istituto d'arte?"
"Se un alunno non è molto portato per la matematica, può lo stesso frequentare un liceo scientifico?"
"È valido il Piano Nazionale Informatico (PNI) nel liceo scientifico?
Per tutte queste domande il prof. Boschiero è riuscito a trovare una valida risposta e si ripromette di farlo anche quest'anno.

Otto regole per non sbagliare !
1.scoprire le proprie attitudini;
2.non lasciarsi condizionare dai pareri altrui;
3.chiedere consiglio ai genitori;
4.ascoltare i suggerimenti dei professori e il consiglio orientativo formulato dal Consiglio di classe;
5.non scegliere una scuola solo perché frequentata da un amico o da un parente;
6.partecipare agli incontri di orientamento proposti dal distretto scolastico per conoscere le caratteristiche delle varie scuole;
7.fornirsi di opuscoli per ulteriori informazioni;
8.non scegliere una scuola solo per la vicinanza a casa.

Speriamo di avervi aiutato nel prendere la vostra decisione, e... buon proseguimento degli studi!


Una testimonianza
Nel mese di novembre, noi ragazzi delle classi terze abbiamo incontrato il prof, Boschiero, esperto in orientamento scolastico dell'ENAIP Veneto, un'impresa sociale che si occupa di formazione professionale di lavoratori e giovani, con sede a Conegliano in via Verdi, nei pressi della stazione ferroviaria.
Con lui abbiamo cercato di analizzare le nostre attitudini e le scuole che abbiamo intenzione di intraprendere il prossimo anno.
Prima di tutto, il professore ci ha chiesto di esporre delle domande o degli argomenti dei quali volessimo avere maggiori informazioni o chiarimenti. Poi, egli ci ha illustrato i 4 livelli in cui si dividono le scuole superiori, cioè licei, istituti tecnici, istituti professionali e centri di formazione professionale e ha definito le differenze presenti tra essi. In modo particolare ha specificato la preparazione che questi livelli danno, che può essere mirata all'apprendimento di un lavoro, a un'area di interesse specifico o a un'area più generale.
Successivamente il prof. Boschiero ha risposto alle nostre domande, approfondendo i temi dei quali avevamo chiesto chiarimenti. Parlando dell'importanza della scelta che ci accingiamo a fare, egli ci ha esortato a chiedere informazioni a coloro che praticano la professione che vorremmo intraprendere, per avere la sicurezza che essa sia veramente adatta a noi, in modo da evitare di doverci pentire in futuro. Egli ci ha anche portato degli esempi di condizionamento che alcuni ragazzi che ci hanno preceduto hanno subito a causa di alcuni programmi televisivi.
Ci ha spiegato che dobbiamo essere sicuri e consapevoli della nostra scelta e ci ha fatto capire che non è negativo mettersi in dubbio, anzi, serve per avere la certezza di intraprendere il percorso adatto a noi.
Penso che questo incontro ci abbia aiutato a comprendere l'entità della scelta che stiamo facendo e ci abbia dato conferme o ci abbia fatto riflettere sul nostro futuro che, proprio perché nostro, non deve essere preso con leggerezza e superficialità.

Francesca

Informazioni aggiuntive